Maybe English is not my language....

mercoledì, febbraio 10, 2010

i miss you..

Aggiorno aggiorno!:)
Oggi giornatina a Torino con la scuola, Dio quanto mi piace la mia classe in fin dei conti.
Me ne rendo conto giusto adesso però. Bèh meglio tardi che mai.
Il nostro autista è stato il mitico Eros, quello di Praga dell'anno scorso, quanto ci eravamo piegati? Che gita...mamma mia...ma vabbè è un'altra storia. Siam partiti piuttosto tardi alle 7 e 20, abbiamo insistito per fermarci, malgrado Alpitour e la Bonelli non volessero, ma alla fine ci hanno accontentati e pisciatina, brisciona e (...per chi fuma)sigarettina allegra.
Ripartiamo verso Torino arriviamo a Palazzo Lascaris, ne seguono due ore estremamente noiose, durante la quale ci hanno illustrate un video, il palazzo e poi (vergogna delle vergogne) una riunione del Consiglio regionale. Ne sono uscita 20 minuti dopo S C H I F A T A, c'erano consiglieri che giravano per l'aula, non calcolavano minimamente chi parlava ed esprimeva un parere. Insomma un chiaro quadro di sintesi di chi amministra. Che schifo. Ed è gente che guadagna centinaia di migliaia di euro. Possibile? Io sarei anche disposta a fare si che i politici stiano sul posto di lavoro per 15000 euro al mese, ma che almeno il servizio sia degno. Invece zero un cazzo. Non continuo perchè poi so che non la finisco più.

Passando al resto della giornata, abbiamo pranzato (nello stesso esatto mc di 3 anni fa...e quanto siamo cambiati da allora...) e poi siamo andati per negozi e io mi sono presa un paio di occhiali da H&M eheheh...non ho saputo resistere u_u. Dopo ciò ci affrettiamo ad andare verso il museo nazionale del cinema, che devo dire che consiglio e mi è piaciuto particolarmente.

Ora vi saluto ragazzi. Buona notte. Parto per uno dei miei viaggia mentali paura.


Ha perso la speranza.
Vive la realtà passata.
Si rifugia nel sogno.
Ti avvicini e mi dici: "Mi fai star bene."
Non le so tenere certe cose vanno
Come devono andare, fanno,
Che sia un giorno, un mese, un anno,
Non importa comunque il danno
E' fatto. Fino a diventar matto
Cerchi e speri in un contatto
Tratto da un romanzo con stile
Sempre tu a non voler capire,
Fino alla fine di che?
Fino alla fine dei giorni
Non darò peso perchè
Sì che si vive di sogni.

Nessun commento:

Posta un commento