Maybe English is not my language....

mercoledì, aprile 28, 2010

Piccola, Insana, Città

Mercoledì mattina che inizia con il naso che cola in una maniera assurda, le strade di una minuscola città intasate, genitori agitati che vanno a lavoro e portano i figli a scuola. Il sindaco che sulla sua bicicletta in giacca e cravatta si dirige verso il comune (e non nego che ha un che di ridicolo), i ragazzi e le ragazze che svogliate si dirigono verso i rispettivi luoghi scolastici.
E io.
Io che con le cuffie mi chiudo nel mio mondo ovattato.
Questa città mi stufa e incuriosisce allo stesso punto. Sto scoprendo nuovi lati, persone nuove, nuove cose da fare, un nuovo modo di sfruttare ste mura di galera..
I soliti amici, i nuovi amici, i vecchi amici, quelli con cui ritrovi una vecchia sintonia.
Un pomeriggio, almeno, un'ora spesa in blabla, senza senso, ma diamine, sempre parole tra noi. E mi piace da impazzire mi fa sorridere e amare sto posto che è una specie di nido.
Ma prima o poi tutti abbandonano il nido...
Per ora me lo godo ancora un pò..
Con tutti i pro e i contro...

Per ora va bene così.
Sento qualcosa di strano contorto e malsano.
Ma non ci faccio proprio caso.
Avanti per sta strada..
«Non si può parlare di amore a quest' età.
Amore verso le amiche forse.
Sta di fatto che io amo le mie amiche.»
Questa frase mi ha colpita. E' vero..

Nessun commento:

Posta un commento