Maybe English is not my language....

mercoledì, febbraio 29, 2012

Back in the time;

Sto cercando ( prematuramente ) di fare su un pò di ordine in camera mia, quando mi son ricordata del fatto che ieri sera mi ero ripromessa, tornando verso Liverpool Street Station, di tornare a casa e scrivere! Cosa ?
Del pomeriggio speso al Beyond Retro di Brick Lane, qualcosa per la quale riesco ancora a perdermi nei pensieri ed emozionarmi!
Quel posto è qualcosa di magico! I commessi sono assurdamente "belli", ma non perché siano eccessivamente stupendi esteticamente, ma perché è il contesto a renderli tali ed una volta entrato tutto ti porta in un'altra dimensione, un'altra epoca  e forse anche un altra città, immaginate di entrare in un posto e tutto si annulla, il fuori, l'esterno, esistete solo voi, il posto, gli oggetti e chi è con voi! I vestiti, le persone, i commessi, la musica. Lo shop inoltre è veramente grande! Talmente tanto da perdercisi per delle ore! Ieri pomeriggio eravamo a caccia di qualche pezzo a buon prezzo, quando dopo l'ennesimo negozi ci siamo incamminati verso questo. Entrati non c'era la musica, ma ancora meglio, una band, stavano provando nell'angolo delle giacche di pelle da uomo! Chitarre, batteria, voce, basso. Tutto ! E noi tranquilli a gironzolare per lo shopfloor, un gatto che zampettava al bancone ed i commessi che gironzolavano senza curarsi minimamente di te, nei loro bei vestiti.
C'era un clima stupendo, sarei voluta rimanere lì tutto il tempo sino alla chiusura ( non mi sembra neanche possibile che si sia potuto interrompere il tutto con una semplice azione come la chiusura serale di un negozio! Non ce li vedo a contare la cassa e a prezzare vestiti! ). In quel contesto son riuscita a rimanere bloccata, non pensare, non parlare, non fare, ma solo guardare, sentire e toccare. Non ricordo che mi sia mai capitato a Londra di sentirmi così in un determinato momento. Di sentire come se tutto fosse fermo, come se tutto stesse andando bene e così per sempre fosse. Anche ora solo a scriverne gioisco al pensiero!
..Non è solo una questione di "vestiti" è proprio una questione d'essere che mi rende così affascinata ed innamorata di quello che sembra girare attorno a quel quartiere e che riesce sempre a mettermi un pò di buon umore con un pizzico di malinconia..
E quando ne siamo usciti è stata un'uscita brusca e non pensata, non mi aspettavo di sentirmi ingoiata così da Londra, forse è il fascino di Brick Lane che rende tutto più morbido, assolutamente più bello, assolutamente meno doloroso, perché c'è sempre qualcosa che lacera...
 

Nessun commento:

Posta un commento